RICHIESTA RAPIDA

Arrivo
Notti
Persone
Nome
E-mail
info
 Inserisci il codice
CAPTCHA
Accetto le condizioni di
sicurezza e privacy

Newsletter del 15 Luglio 2011

ECCEZIONALE EVENTO ALL’HOTEL MARINETTA
“MUSEO” DEI TROFEI DI PAOLO BETTINI DAL 1° AL 7 AGOSTO
Dal 1° al 7 Agosto 2011 saranno esposti presso l’Hotel Marinetta i trofei del Campione del Mondo di ciclismo su strada, nonché Oro Olimpico 2004 Paolo Bettini. Questi i trofei di Paolo Bettini:
 Tre Coppe del Mondo;
 Una Liegi-Bastogne-Liegi;
 Una Milano-Sanremo;
 Un GP di Zurigo;
 Due Giri della Lombardia;
 Una Classica di San Sebastian;
 Due Campionati Italiani;
 Una Tirreno-Adriatico;
 Tappe del Giro d’Italia;
 Tappe della Vuelta de Espana;
 Tappe del Tour de France;
 …. e numerosi altri riconoscimenti.
I trofei saranno esposti in un vero e proprio “Museo” allestito presso il nostro Hotel in collaborazione con il Club Bettini della California. L’ingresso è libero, tutti possono partecipare.
EFFETTO VENEZIA” 2011 CON IL RITORNO DELLA LIRICA IN PIAZZA
A LIVORNO DAL 29 LUGLIO AL 7 AGOSTO

La Venezia a Livorno è quasi un'isola, una città nella città che è, allo stesso tempo antica e moderna, turistica e verace. 
Troppo spesso però il quartiere, cuore della movida serale è quasi dimenticato durante il giorno, anche se, paradossalmente, è proprio alla luce del sole che la Venezia dà il meglio di sé e i canali di questo quartiere costruito direttamente sulle acque del Porto si accendono di una luce che, forse, c'è soltanto qui.
 In tanti, però, sembrano ricordarsene soltanto durante "Effetto Venezia", ecco allora che commercianti, artisti e ristoratori residenti nel quartiere hanno costituito un'associazione no profit per lavorare ad un progetto unitario e duraturo di valorizzazione del rione.
 "L'idea è quella di coinvolgere tutti gli operatori della Venezia e arrivare a creare, fra poco, un centro commerciale naturale", ha spiegato Daniele Simoni, Presidente dell'associazione. "Il nostro obiettivo è restituire a questo rione il suo antico splendore e farlo tornare ad essere il cuore pulsante della città, non soltanto durante "Effetto Venezia" e non soltanto in orario serale".
 Tante le attività in programma. “Noi vogliamo che il quartiere Venezia sfrutti al meglio le enormi potenzialità che ha e che diventi un centro d'aggregazione per i tanti turisti che sbarcano ogni anno a Livorno e per i cittadini - ha spiegato Annalaura Bachini - Vicepresidente dell'associazione – e per riuscirci dobbiamo lavorare in sinergia con i residenti, rispettando le esigenze di tutti".
 Soddisfatta del neonato sodalizio anche Monica Ria, Presidente della Circoscrizione 2: "Questo comitato non è nato per far fronte ad un problema o esporre una lamentela, come purtroppo spesso accade, ma con l'unico scopo di proporre idee e realizzare iniziative costruttive e noi come amministrazione non possiamo che dare il nostro totale appoggio".
 Che la festa cominci, allora! Per quanto riguarda “Effetto Venezia”, Mario Menicagli, direttore artistico della manifestazione, intende quest’anno riportare la lirica e la danza in piazza. Menicagli punta su un titolo che si leghi alla Francia, il tema di questa edizione 2011 di “Effetto Venezia” e la scelta ricadrà su una tra queste opere: l'”Andrea Chenier” di Andrea Giordano, la “Traviata” di Giuseppe Verdi o la “Boheme” di Giacomo Puccini, tutte e tre ambientate in Francia.
“Effetto Venezia” è la tradizionale e più importante festa d’estate che ogni anno si svolge nell’antico quartiere della città nei primi giorni di Agosto. Numerose sono le iniziative che animano i canali, le piazzette e i ponti di questo suggestivo angolo livornese che, proprio per queste sue caratteristiche, venne chiamato “La Nuova Venezia”: dalle bancarelle degli artigiani e dei collezionisti del modernariato, ai burattini e gli animatori di strada, dalle mostre alle suggestive escursioni in battello nei “Fossi Medicei”.
 Ci si potrà tuffare nella festa e lasciarsi sedurre dalle mille attrattive o anche, varcato un vecchio portone, entrare nell’atrio silenzioso di uno dei tanti palazzi storici che la Venezia ci offre, non soltanto in queste notti un po’ speciali. Ma ciò per cui ”Effetto Venezia” si è andato sempre più connotando, è il taglio di “Kermesse” spettacolare, capace di offrire in nove sere di festa il più ampio ventaglio di proposte artistiche dove artisti famosi si affiancano a giovani di minore notorietà ma di indiscutibile talento.


“Effetto Venezia” è una festa livornese che ormai si può anche considerare una tradizione poiché è iniziata nel 1986; questa festa popolare si svolge nel quartiere della Venezia durante il periodo estivo, spesso a cavallo tra i mesi di luglio e agosto. 
"Effetto Venezia" è una festa nata inizialmente per far conoscere meglio il quartiere della Venezia che era stato bombardato durante la seconda guerra mondiale ed era rimasto in degrado. Nei primi anni le manifestazioni e le mostre erano dedicate soprattutto a visite nei palazzi, nelle chiese, oppure a far conoscere la cucina livornese, e ancora i lavori antichi della Livorno settecentesca e ottocentesca. 
Dal 1994 ci fu un cambiamento: si iniziò a valorizzare il quartiere della Venezia come il quartiere più bello di Livorno e le manifestazioni si sono ampliate con mostre di antiquariato ma anche di modernariato; si valorizzarono anche i fossi medicei pensando al turismo che aumentava sempre di più. E' una festa che ha anche uno scopo benefico per la società; questa manifestazione infatti cerca di favorire la partecipazione dei cittadini, livornesi e non, alla vita sociale che sta divenendo sempre più rara.
 Infatti in questa manifestazione che dura sempre quasi dieci giorni, ci sono molti spettacoli, mostre e mercati: di solito, d'apertura alla festa, c'è sempre uno spettacolo teatrale con attori di strada, che coinvolge tutto il pubblico perché segue un percorso preciso nel quartiere valorizzandone i luoghi più belli e caratteristici. Nei giorni seguenti ci sono gruppi folkloristici che animano le strade. I mercati si possono definire più che altro delle esposizioni perché in alcune strade lungo i fossi medicei del quartiere della Venezia si posizionano bancarelle di ogni tipo e con qualsiasi merce. Le mostre sono basate su antiquariato, modernariato, artigianato vario e su cose che riguardano la Livorno antica; uno degli edifici che ospita mostre è quello dei Bottini dell'Olio. Tutte queste iniziative valorizzano ancora di più questo quartiere. Questa festa ha molto successo tra gli abitanti della città ma anche tra i turisti che passano da Livorno per ammirare le bellezze del quartiere della Venezia.
 Durante “Effetto Venezia” il quartiere si affolla di persone e questo lo rende più animato.

SCOPRIRE IL TERRITORIO: CASTIGLIONCELLO DI BOLGHERI
La sua origine è incerta, si parla del 780 DC, sia pure con il nome di Oliveto (forse per le caratteristiche fisiche del luogo). Fino al 1440 fu possedimento dei della Gherardesca, dei Soderini fino al 1665, degli Incontri fino al 1801 e poi ancora dei della Gherardesca.
L'edificio, fortificato, domina il colle tra Bolgheri e Castagneto, (393 m. s.l.m.), da cui si può vedere il suggestivo paesaggio sottostante. Una volta all’anno, il 16 Luglio, viene aperto al pubblico, in occasione della festa della Madonna del Carmine. La chiesa di San Bernardo, costruita nel 1805 e ristrutturata tra il 1914 e il 1915, è ad aula unica con la facciata in conci di
pietra squadrati.
La parte inferiore delle pareti laterali è decorata a finte lastre marmoree, motivo che viene ripetuto nella zona presbiterale. Un arco dipinto a finti conci bianchi e grigi delimita la zona absidale nella quale è raffigurata la Madonna col Bambino.
L'altare reca un ciborio a pianta quadrangolare; sulla superficie del paliotto campeggiano due scudi contenenti l'arme dei della Gherardesca e la croce pisana.
Interessante l'acquasantiera che risulta dall'assemblaggio di un basamento tardo rinascimentale in pietra recante lo stemma Soderini con un bacile in marmo suddiviso in spicchi.
MARTEDI’ 16 AGOSTO A SIENA IL PALIO DELL’ASSUNTA
Martedì 16 agosto 2011 a Siena in Piazza del Campo, le Contrade della città si sfideranno per la seconda volta (dopo il Palio di Provenzano del 2 luglio) nel Palio dell'Assunta, dedicato appunto a Maria. Dieci Contrade su 17 corrono il Palio del 16 Agosto, le sette che non hanno corso il Palio di Agosto dell'anno precedente a cui se ne aggiungono tre sorteggiate tra le dieci che lo corsero. Ad ogni rione viene assegnato per sorteggio un cavallo dei 10 selezionati tra quelli fisicamente idonei. L'assegnazione avviene la mattina del 13 Agosto: è la Tratta, il primo appuntamento di una Festa che dura quattro giorni. La corsa del Palio consiste in tre giri della Piazza del Campo, su una pista di tufo tracciata nell'anello sovrastante la conchiglia. Si parte dalla Mossa, formata da due canapi dentro i quali si dispongono nove delle dieci contrade in un ordine stabilito per sorteggio. Quando entra l’ultima, la rincorsa, viene abbassato il canape anteriore e data la partenza. Vince la Contrada il cui cavallo, con o senza fantino, arriva primo al termine dei tre giri. Il premio è il Palio, o “Drappellone”, realizzato ogni anno da un artista selezionato dal Comune. Un premio ambito che la contrada vincitrice custodirà per sempre nel suo museo.
Si può assistere alle corse di prova ed al Palio accedendo a pagamento alle tribune (palchi) sistemati attorno alla Piazza o alle finestre e balconi che vi si affacciano, oppure gratuitamente dall'interno della Piazza. La corsa del Palio è preceduta da un Corteo (Passeggiata Storica) a cui prendono parte oltre 600 figuranti in rappresentanza delle 17 Contrade e di istituzioni della antica Repubblica di Siena. Il Corteo parte dalla Piazza del Duomo nelle prime ore del pomeriggio, e si snoda per alcune vie del centro cittadino prima di sfilare nella Piazza del Campo.
Nel Palio del 2 luglio L’Oca si è aggiudicata il Cencio di Pericoli dopo una grande corsa di Giovanni Atzeni detto “Tittia” e Mississippi, cavallino di proprietà del torraiolo Osvaldo Costa.

- OFFERTE & PACCHETTI PER LA TUA VACANZA IN HOTEL IN TOSCANA AL MARE -

Precedente Successiva
Scarica la brochure .PDF del nostro hotel
Comune di BibbonaBenvenuti in ToscanaBandiera Blu LegambienteEMAS4 Vele LegaambienteClub ItaliaPure Power energie rinnovabilipetit futéNotte Blu Costa degli Etruschi Free Wi-Fi Spot albergo marina di bibbonaISO14001 albergo marina di bibbona
Your RSS hotel mare toscanaBloglines benessere mare toscanaiGoogle vacanza mare toscanaMicrosoft Live albergo marina di bibbonamyMSN vacanza marina di bibbonaNetvibes vacanza costa degli etruschiNewsgator hotel livornoTechnorati offerte vacanze mare toscanamyYahoo ristorante marina di bibbona

Hotel Marinetta
Via dei Cavalleggeri Nord 3,
57020 Marina di Bibbona (Livorno)

COORDINATE GPS
Latitudine: 43.24659
Longitudine: 10.53009

CONTATTI:
Tel.: 0586 600598
Fax: 0586.600186
E-mail: info@hotelmarinetta.it
RAGIONE SOCIALE:
EFFE HOTELS SRL
Via dei Cavalleggeri Nord 3,
57020 Marina di Bibbona (Livorno)
Partita IVA 01613250495
Web 2.0 by Web By Uplink Progetto Italia PromozioneItalia Promozione Booking engine by BOOK-UP v. 1.0BOOK-UP


Email inviata con successo